Manuale d'istruzioni - Pizzicato 3.6 IT900 - Revisione del 14/11/2012

Base

Principiante

Professional

Notazione

Composizione base

Composizione Pro

Percussioni

Chitarra

Coro

Tastiera

Solista

Back to the Pizzicato main site

Tracce audio

Subjects covered:


Audio o MIDI? [Base] [Principiante] [Professional] [Notazione] [Composizione Base] [Composizione Pro] [Percussioni] [Chitarra] [Coro] [Tastiera] [Solista]

Finora abbiamo considerato solo il MIDI per elaborare ed ascoltare musica. Pizzicato esegue la partitura creando una serie di eventi MIDI. La scheda audio del computer o il sintetizzatore esterno elabora tali eventi trasformandoli in suono reale, udibile tramite gli altoparlanti. Tale tecnologia è soddisfacente nella maggior parte dei casi. Infatti quasi tutte le informazioni musicali possono essere tradotte in una sequenza di eventi MIDI.

Comunque ci sono casi in cui il MIDI non è sufficiente. Ad esempio, se dovete registrare la vostra voce o l'esecuzione di uno strumento acustico su una base musicale, il MIDI non è di alcuna utilità. In questi casi il software deve registrare ed immagazzinare il suono stesso (o almeno la sua rappresentazione matematica).

Come abbiamo visto precedentemente ("La notazione musicale"), un suono è semplicemente una vibrazione dell'aria che ha quattro proprietà: altezza, ampiezza, timbro e durata. Uno strumento acustico, suonando, vibra ad una certa frequenza facendo vibrare l'aria circostante. Quindi la vibrazione raggiunge il nostro apparato uditivo, che traduce la vibrazione in suono, con le sue proprietà.

Per registrare il suono è necessario misurare la posizione di una particella di aria che si muove attorno alla sua posizione centrale, in modo da poter poi riprodurre la stessa vibrazione. A scopo pratico indichiamo con il valore zero la posizione della particella quando non è attraversata da alcun suono. Se la particella è sollecitata, possiamo quantificare il suo discostamento dalla posizione centrale. Tale misura è detta "campione".

Le vibrazioni sonore sono molto rapide, per cui è necessario effettuare molte rilevazioni al secondo. L'orecchio umano può percepire fino a 20, 22 mila vibrazioni al secondo e, secondo un principio matematico, è necessario rilevare la posizione dell'aria almeno un numero di volte doppio rispetto a tale frequenza, per registrare il suono con accuratezza. Per questa ragione, per un CD musicale, la misurazione è fissata a 44100 campioni al secondo. Tale frequenza è anche chiamata frequenza di campionamento ed è espressa in Hertz (abbreviato Hz) che equivale a "vibrazioni al secondo".

Registrando un suono con frequenza di campionamento molto bassa, una parte delle vibrazioni viene persa nella riproduzione. Infatti mancano informazioni nella registrazione e la qualità del suono si deteriora. L'esempio più comune è la linea telefonica. All'inizio si usava una frequenza di campionamento di 8000 Hz. Visto che la voce umana non usa tutto lo spettro delle vibrazioni udibili, la qualità del telefono era sufficiente per trasmettere una conversazione comprensibile. Ma provate ad ascoltare un'orchestra sinfonica al telefono e percepirete la bassa qualità del suono trasmesso.

Un altro importante parametro è la precisione con la quale viene rilevata la posizione di una particella di aria. La precisione è determinata dai valori in cui è suddivisa la scala utilizzata. Si potrebbe misurare su una scala di 10 valori o su una scala di 10000 o più valori. Pochi valori comportano eccessiva approssimazione. Come analogia consideriamo il seguente esempio. Se misuriamo una stanza con un metro privo dei centimetri possiamo dire che la stanza è di 3 metri o 4 metri, ma non possiamo dire esattamente 3 metri e 23 centimetri. Trasmettere l'informazione che la stanza è di 3 metri non sarebbe esatto e se un architetto, per creare un grande edificio, usasse tale livello di precisione, non ci sono dubbi che l'edificio crollerebbe in poco tempo. Perciò la precisione è molto importante. Per la qualità di un CD è stata impostata una scala che va da -32768 a +32767. Tali grandezze vengono dal sistema binario usato dai computer. Per cui 2 alla 16ma (16 bit usati) corrisponde a 65536 (= 32768 valori negativi + 32767 valori positivi + 1 per lo zero). Per questo diciamo che la qualità di un CD è di 16 bit (un bit è una cifra binaria. In inglese BInary digiT).

Per riassumere possiamo dire che una registrazione audio digitale è costituita da una serie di numeri che rappresentano un suono e che possono essere usati in ogni momento per ricreare quel suono e riprodurlo con gli altoparlanti di un computer. Nella qualità di un CD, un secondo di musica è rappresentato da 44100 volte 2 numeri (i due canali stereo), ciascuno dei quali in un intervallo da -32768 a +32767. Mettendo tali numeri in un grafico con il tempo, avremo un immagine come questa:

dove il grafico superiore è il canale sinistro e quello inferiore il canale destro. Queste curve rappresentano infatti la posizione di una particella d'aria quando tale suono è udito. La maggior parte dei software che lavorano con l'audio digitale rappresentano il suono tramite grafici analoghi..

 

Cos'è una traccia audio? [Base] [Principiante] [Professional] [Notazione] [Composizione Base] [Composizione Pro] [Percussioni] [Chitarra] [Coro] [Tastiera] [Solista]

Una traccia audio è la rappresentazione binaria di un suono di durata specifica.

Pizzicato consente di aggiungere una traccia audio ad una partitura (o parecchie con Pizzicato Professional o Composizione Pro). Potete specificare quando una traccia audio inizia e Pizzicato la riprodurrà insieme alla partitura.

Una traccia audio è rappresentata da un file wave (".wav" è l'estensione per Windows). Esistono molti formati di file audio. Pizzicato opera su file WAVE, i quali sono molto comuni e funzionano su Windows e su Mac. E' possibile trovare su Internet diversi convertitori di formati audio. Potete quindi utilizzare file wave e convertirli in mp3, aiff ed altri formati esistenti.

E' importante comprendere che le informazioni audio vengono conservate nel file wave e non nel documento di Pizzicato, il quale contiene solo un riferimento al file wave. Se intendete inviare una partitura con tracce audio ad un amico, non dimenticate di inviare anche i file audio corrispondenti. Oltre ad inserire file audio nella partitura, con Pizzicato è possibile creare tracce audio vuote e registrarle da voi stessi con un microfono.

Aggiunta di una traccia audio [Base] [Principiante] [Professional] [Notazione] [Composizione Base] [Composizione Pro] [Percussioni] [Chitarra] [Coro] [Tastiera] [Solista]

In base alla versione di Pizzicato che possedete, l'accesso o l'aggiunta di una traccia audio ha modalità differenti. Per la maggior parte delle versioni operate come segue:

Per Pizzicato Professional o Composizione, operate come segue:

La finestra di dialogo appare come segue:

La finestra vi consente di specificare il file audio wave associato. Potete selezionare un file esistente o crearne uno nuovo. Come prima cosa apriamo un file audio esistente.

E' un file audio a 8 bit, mono, con frequenza di campionamento di 22050 campioni al secondo (Hz), della durata di 6 secondi e 122 millesimi di secondo.

Potete anche creare un nuovo file audio ed associarlo alla partitura.

Il pulsante Cancella è usato principalmente per le versioni di Pizzicato con una sola traccia audio. Cliccando su di esso è rimosso il riferimento al file audio nella Patitura. Importante notare che il file audio non viene eliminato (ma solo il riferimento).

Tracce audio multiple [Professional] [Composizione Pro]

Con Pizzicato Professional o Composizione Pro, potete aggiungere parecchie tracce audio nella stessa partitura. Ciascuna può iniziare in un punto diverso della partitura. Quando viene aggiunto, un file audio appare immediatamente sotto la partitura come una banda colorata, nella posizione dove inizierà la riproduzione e della lunghezza relativa in relazione alla partitura:

La piccola icona in basso a sinistra, rispetto al rettangolo della partitura, mostra che è presente una traccia audio. Cliccando su di essa si visualizzano o meno le tracce audio.

Per aggiungere un'altra traccia audio, operate come sopra descritto. E' possibile aggiungere lo stesso file più di una volta, in diverse posizioni nella partitura. Aggiungendo diverse tracce audio, la vista conduttore appare nel modo seguente:

Per ogni traccia audio potete specificare il punto di inizio ed il volume di riproduzione. Il punto di inizio può essere modificato trascinando con il muose le bande gialle in senso orizzontale. Operando in tal senso, una griglia magnetica posiziona il punto di partenza sui mezzi beat, ma tale magnetismo può essere disabilitato tenendo premuto il tasto CTRL.

Cliccando col destro del mouse (alt-click su Mac) su di una traccia audio, compare un menu con tre voci:

Setup audio [Base] [Principiante] [Professional] [Notazione] [Composizione Base] [Composizione Pro] [Percussioni] [Chitarra] [Coro] [Tastiera] [Solista]

Le impostazioni audio dovrebbero andare bene con le opzioni predefinite. Avete accesso alla finestra di setup nel menu Opzioni, Impostazioni Audio...:

Se sperimentate un suono a singhiozzi, aumentate le dimensioni dei buffer di output a passi di 100, finché il suono non è pulito. Al contrario, per ottenere il minor ritardo possibile tra la coloritura ed il suono della nota, provate a ridurre le dimensioni del buffer di output a passi di 50 o 100. Quando chiudete la finestra di dialogo potreste aver bisogno di riavviare Pizzicato per l'attuazione delle modifiche.

Il pulsante Valori di default vi consente di ripristinare i parametri ai loro valori di default.

Se sperimentate un ritardo tra la partitura (strumenti MIDI) e la traccia audio, dovete aggiungere lo stesso ritardo al MIDI, in modo da compensare. Fate questo scegliendo la voce Opzioni esecuzione MIDI... nel menu Opzioni. Agite sul cursore Ritardo MIDI in millisecondi (correzione per l'audio). Regolate tale valore in modo che il MIDI e l'audio siano perfettamente sincronizzati.

Il pulsante Setup ASIO... sarà illustrato nella prossima sezione.

Utilizzare un driver ASIO [Base] [Principiante] [Professional] [Notazione] [Composizione Base] [Composizione Pro] [Percussioni] [Chitarra] [Coro] [Tastiera] [Solista]

Dalla versione 3.5.2, Pizzicato può lavorare con un driver ASIO per gestire l'audio. ASIO (Audio Stream Input/Output) è un protocollo standard per gestire una scheda audio in modo efficiente. Esso può ridurre il tempo di latenza, ovvero il ritardo tra il momento in cui Pizzicato invia i dati audio alla scheda e il momento in cui viene riprodotto il suono. Molte schede audio, installate su Windows, hanno un tempo di latenza che crea un ritardo fastidioso, quando suonate una tastiera MIDI e volete ascoltarla con la libreria di suoni Papelmedia, distribuita con Pizzicato.

Alcune schede audio possiedono loro stesse i driver ASIO, ma potete in ogni caso scaricare da internet ed installare un driver universale ASIO, chiamato ASIO4ALL, gratuito e disponibile alla pagina http://www.asio4all.com/ .

Se volete utilizzare il driver ASIO con Pizzicato (solo su Windows), cliccate sul pulsante Setup ASIO nella finestra di dialogo Impostazioni Audio (menu Opzioni).

Appare la seguente finestra di dialogo:

La lista di selezione "Seleziona il driver ASIO da utilizzare" vi consente di scegliere il driver da utilizzare, potendo essere installati parecchi driver ASIO sul vostro computer. Provateli se necessario e scegliete quello che gira bene con Pizzicato (in caso di problemi, se Pizzicato non si avvia più, vedete la nota alla fine di questa sezione).

Avete altre quattro liste per selezionare il canale sinistro e destro, per l'output e l'input.

Il pulsante "Pannello di controllo ASIO..." apre una finestra di dialogo che dipende dal driver ASIO. Il pannello di controllo serve ad impostare il driver in base al vostro hardware audio. Il valore di default dovrebbe andar bene. Per ulteriori dettagli consultate la documentazione del driver ASIO o della scheda audio.

Se volete tornare alle normali impostazioni audio, senza ASIO, cliccate sul pulsante Non usare ASIO driver... e verrà visualizzata la normale finestra di impostazioni audio.

Confermate le impostazioni ASIO cliccando su OK.

Attenzione: Installare ed impostare un driver ASIO in modo che funzioni bene con Pizzicato, non è sempre facile: dipende dall'hardware e dal software che possedete. In caso di problemi, potrebbe essere richiesta una competenza tecnica per risolvere la situazione. Non possiamo qui entrare in dettagli troppo complessi. Abbiamo qui descritto la procedura di base, che dovrebbe andar bene nella maggior parte dei casi.

Se, dopo aver provato ad impostare ASIO con Pizzicato, Pizzicato non si avvia più o va in errore allo startup, ecco come risolvere la situazione; rimuovete semplicemente il seguente file:

My documents / Pizzicato 3.x / Prefs / Audio.dat

Quindi avviate Pizzicato e le impostazioni audio di default verranno ripristinate (senza ASIO).


Back to the Pizzicato main site

Base

Principiante

Professional

Notazione

Composizione base

Composizione Pro

Percussioni

Chitarra

Coro

Tastiera

Solista